Risveglio di coscienza

La presenza? Come faccio a..?

0

Amico e amica del Nuovo Mondo ciao!

Non è la prima volta che scrivo di presenza poiché ritengo questa tematica di vitale importanza. Stiamo vivendo tempi di transizione difficilissimi e so che la Presenza può significare molto nella vita di ciascuno. E’ ormai più di un anno che teniamo incontri sulle opere di Eckart Tolle. Abbiamo incontrato centinaia di persone desiderose di comprendere le tematiche del risveglio e della coscienza. Leggiamo i brani tratti dalle sue opere, li commentiamo, pratichiamo delle brevi meditazioni. Poi sempre arriva la fatidica domanda con una breve premessa: “E’ difficile, come faccio ad applicare questi principi?”.

Io rispondo con sincerità: “non è semplice ma possibile”.

Come? Con l’allenamento, con l’applicazione pratica, con la sperimentazione..

La presenza questa sconosciuta..

Le parole di Eckart Tolle, che nascono da una saggezza millenaria, sembrano apparentemente molto semplici ma nascondono un’insidia. Vi è nascosto tra le pieghe di ogni insegnamento l’invito a mettere in pratica. Questa pratica non è semplicemente:pratico la presenza una volta a settimana tramite una meditazione nel mio spazio chiuso e protetto. C’è chi mi ha scritto che Tolle scrive cose scopiazzate e troppo semplicistiche e io avverto di leggere e studiare con attenzione perché è soltanto apparenza. Non basta sfogliare un libro.. bisogna comprendere ciò che è dietro quelle semplici parole. Le parole sono solo forma.

La presenza dovrà sperimentarsi all’interno di una giornata ordinaria e proprio nei momenti in cui sarà più frequente dimenticarsi di farlo. La meditazione della presenza e del ricordo di sé è una pratica quotidiana che riguarda la vita vissuta e non uno spazio distaccato dalla vita.

Di fronte agli attuali scenari quasi apocalittici di una civiltà che si sta estinguendo la sfida è: io applico la PRESENZA. Da un lato il dirupo delle emozioni negative, del pensiero caotico e distruttivo e dall’altro la semplice presenza del qui e ora.

DAL CAOS EMERGO CON LA PRESENZA!

 

Come si può spiegare la presenza se non praticandola? Come dice e scrive Tolle sei in presenza quando realizzi che tu non sei colui che pensa. Quindi c’è il risveglio di questa entità (parte di noi) che è in grado di osservare dall’esterno i processi mentali. Quindi in quelle pause di osservazione è come se ti tirassi fuori dalla tua ordinaria personalità con cui sei normalmente identificato/a. Facendo questo crei uno spazio, un vuoto indistinto tramite il quale intuisci che quello spazio è il tuo sé. A quel punto non si tratta di pensare chi tu sei ma di sentirlo attraverso delle sensazioni di quiete e di pace interiore.

Prova, sperimenta adesso. Fermati e senti te stesso oltre il pensiero, senti il tuo respiro, il tuo corpo andando oltre la mente ordinaria. Quello che proverai sarà una strana pace interiore, un senso di vitalità molto alto e in alcuni casi una emozione superiore di gioia che nasce direttamente dal cuore.

Spesso le persone che studiano Tolle cercano di spiegare tutto questo a livello mentale. Ma non è possibile aggirare l’ego e entrare in presenza tramite la mente. Lo si può fare oltre la mente. Per poter sperimentare questo bisogna affidarsi e mollare il controllo mentale (e la compulsione a etichettare e spiegare tutto).

Tanti anni fa quando mi accostai al Potere di adesso feci questo grave errore di considerare il libro da punto di vista mentale (e della ragione). Trovai il testo insulso e scialbo. Lo ripresi dopo diversi anni mentre era cambiato il mio approccio al mondo, alla vita, a me stesso. Trovai le sue parole profonde e illuminanti.

La presenza viaggia su dimensioni differenti da quelle ordinarie intrise di ego e razionalità. Questo può essere sperimentato e non è una professione di fede incondizionata.

Spesso chi viene ai nostri gruppi di pratica si aspetta un lunga meditazione rilassante e rigenerante. Una sorta di centro benessere mentale che permetta di staccare dalla routine. non c’è nulla di male..anzi legittima aspirazione. Ma con i nostri incontri accade qualcosa di molto più profondo. Quando si incontrano le parole di Tolle nella sua crudezza e non recitate con il ritmo di Eckart ma con quello incalzante di un guerriero (come è il mio stile) rimane sorpreso. Ma la sostanza non cambia. La presenza richiede costanza e applicazione. Non è filosofia ASTRATTA!

Potrebbe pensarsi che la presenza sia una pratica distaccata dalla realtà fatta per persone molli e tiepide. Ma le cose non stanno così! La presenza è applicazione metodica e costanza nella sua sperimentazione.

Quando presti più attenzione a quello che fai che al risultato futuro che vuoi raggiungere con esso, rompi il vecchio condizionamento dell’ego. Quindi sei non solo più efficace, ma infinitamente più felice e soddisfatto.

Eckart Tolle

Prestare più attenzione a quello che fai aumenta l’efficacia e la gioia. Mentre se presti attenzione più al risultato futuro proiettandoti mentalmente non proverai la stessa gioia e la qualità di ciò che fai si abbasserà notevolmente. Negli ultimi tempi presto particolare attenzione a come le persone svolgono il proprio lavoro e difficilmente incontro qualcuno che sia presente e attento. La vita nella presenza alza moltissimo la qualità e la gioia di ciò che si fa. Puoi sperimentarlo.

In conclusione: BUONA PRESENZA A TE!

Se ti è piaciuto questo post condividilo con le persone a cui tieni..

Lascia un tuo commento

commenti

Lascia un tuo commento

Luigi Miano
Luigi Miano
Life e Spiritual Coach, ricercatore nel campo dell’evoluzione e della consapevolezza dell’essere umano. E’ impegnato da anni, nello studiare e mixare conoscenze di ogni epoca e provenienza e creare percorsi divulgativi e di liberazione interiore accessibili a chiunque. E' dotato di forte senso pratico e la sua missione è quella di fornire strumenti di applicazione quotidiana. Il suo è un linguaggio semplice, ricco di metafore ed accessibile a molti. Autore di 3 libri e un e-book.
Potrebbero anche interessarti
Come l’essere umano potrà salvarsi. Guida ad una Supercoscienza.
Alchimia: punto di riferimento interiore

Lascia un tuo commento

Il tuo Commento

Your Name*
Your Webpage

SCARICA GRATIS L'EBOOK
7 PASSI VERSO UN NUOVO MONDO

L' ebook che ti rivela gli unici segreti che devi conoscere per iniziare a costruire il tuo nuovo mondo sin da subito!

Digita la tua email
Digita il tuo nome
x