Risveglio di coscienza

Come si costruisce l’intento inflessibile: il pensiero oltre ogni limite

0

Questo è un post diverso dal solito, una sperimentazione insieme a te. Voglio farti vivere gli step per arrivare a liberare completamente la tua mente affrontando delle sfide insolite. Sei pronto ad accettare la sfida e viaggiare insieme?

La nostra mente ha un potenziale energetico enorme che è sotto-utilizzato o a volte per nulla usato. Pensiamo di avere cervello, di essere in gamba e di possedere la vera volontà ma siamo sostanzialmente usati e guidati da forze esterne. Siamo deboli, rigidi e fortemente influenzabili. E’ un sufficiente un avvenimento esterno carico di emozionalità per risvegliare la forza delle ferite, l’insicurezza e le enormi paure che “sotto” ci guidano.


Ci sentiamo pieni di noi e supponenti quando riusciamo a perseguire qualcosa e fragili quando il territorio viene minacciato. Pensiamo di seguire i nostri veri sentieri interiori ma non abbiamo la più pallida idea del nostro autentico sé. Trascorriamo un’intera vita a sprecare energie per perseguire scopi che non ci appartengono servendo energie oscure ed essendone totalmente asserviti.
La nostra mente è caotica, disordinata, dipendente dai sentimenti e dalle basse emozioni. Sprechiamo una quantità di energie enormi senza esserne coscienti. Siamo dominati e la nostra essenza sparisce negli angoli più remoti di noi stessi. Siamo schiavi, vittime e irresponsabili.

Per cominciare un cammino di ricongiunzione con le nostre origini dobbiamo cercare il silenzio e la quiete. Sei in grado di gestire il tuo rumore mentale pensando senza essere pensato? Ora se tu comandassi alla tua mente di placarsi e uscire dalla confusione cosa accadrebbe? Probabilmente ci sarebbe un secondo di silenzio e poi tutto ricomincerebbe come prima. Sperimenta, ferma la lettura e prova. Chiedi silenzio alla tua mente e osserva cosa accade. Non rimandare, inizia ora.
E’ soltanto un primo passo, serve allenamento.

La tua mente non è allenata ed è condizionata da processi che si sono radicalizzati nel corso degli anni. Osserva questi processi. Sono sempre gli stessi vero? Sempre le stesse frasi, modalità e qualità di pensiero e dialoghi interni. La tua mente è affollata di giudizi, pregiudizi, ossessioni, credenze ostinate. Questa calotta di rigidità non ti permette di usare il tuo potenziale. Il “lavoro” non è la sostituzione di pensieri con altri pensieri, di credenze con altre credenze. Il lavoro è più profondo: è sulla qualità.

Una mente libera può divenire una mente forte. Una mente libera è una mente quieta e in grado di scegliere se pensare.

Non essere capaci di smettere di pensare
è una afflizione terribile,
ma non ce ne rendiamo conto
perché quasi tutti ne soffrono,
per cui è considerato normale.
Eckhart Tolle

Quando hai sperimentato quel secondo di silenzio assoluto della tua mente hai avuto paura del vuoto? Cosa hai provato esattamente?

L’abitudine radicata è quella di riempire i vuoti, di affollare la mente di cose superflue e di agire in maniera condizionata. Il vuoto terrorizza. Ma è proprio lo spazio la vera conquista della mente, perché in quello spazio c’è quiete e dalla quiete parte la risolutezza e l’intenzione inflessibile.

ESERCIZIO
Prova di nuovo a creare spazio: fai un bel respiro e seguine il corso. I pensieri si acquieteranno di conseguenza. Stai sul respiro non lasciarlo. Intanto stai sgombrando la mente dall’essere affollata di inutilità. Ci saranno resistenze ma non te ne curare. Ora scegli tu un pensiero, un pensiero importante per te. Può essere una qualità, una emozione, una idea che vuoi sviluppare. Se ti facilita il compito dagli un colore e un suono. Proiettalo nello schermo mentale e rimani su di esso almeno un minuto. Anche se ci saranno delle interruzioni continua a proiettarlo. Attraverso questo esercizio stai invertendo un corso “innaturale” della tua mente condizionata, un’inerzia che ti accompagnerà per sempre e non potrà lasciarti scampo. Stai cominciando a maneggiare una nuova energia, la più potente a nostra disposizione.

La volontà e l’intento inflessibile, come lo chiama Castaneda e la tradizione sciamanica, si costruiscono attraverso piccoli passi metodici, mantenendo l’auto-disciplina.

L’intento inflessibile implica il mantenere la rotta, allineando tutti i nostri corpi, senza mai lasciarla. L’intento inflessibile richiede una totale focalizzazione rilassata.

Ricapitolando: abbiamo portato la mente verso il silenzio e la quiete, primo indispensabile passo. Abbiamo sperimentato la genesi di un pensiero voluto e creato dalla nostra mente intenzionale. Così facendo abbiamo invertito una naturale forza di inerzia “depotenziante”.

Ora possiamo compiere un ulteriore passo avanti: possiamo intraprendere la via della contemplazione. In questo caso la mente supera sé stessa andando oltre la forma del pensiero. Essa non è identificata con nulla e sfugge alle leggi della dualità. Attraverso la contemplazione il pensiero viene portato oltre ogni limite sfidando le leggi della gravità. Esso riesce a passare attraverso la barriera dei due mondi. La contemplazione, come scrive Powell,può essere paragonata ad un uccello che è pronto per spiccare il volo. La mente rimane in questa fase di attesa senza aspettative in cui non si sta cercando qualcosa di particolare o si ha attenzione specifica. Però si spinge la mente oltre il noto e si ha la sensazione di rimanere in bilico su un burrone senza timore anzi con una sensazione molto bella (di gioia cosmica).

E’ molto difficile descrivere questa fase attraverso la mente conscia inferiore poiché è una esperienza vissuta attraverso la mente superiore che adotta un linguaggio differente. La mente inferiore consapevole continua a funzionare a suo modo e allo stesso tempo attiviamo queste funzioni superiori che ci portano vicino alla vera conoscenza. Ora c’è spazio per l’energia dello spirito.

Questo è il viaggio che la nostra mente può compiere.

Lascia un tuo commento

commenti

Lascia un tuo commento

Luigi Miano
Luigi Miano
Life e Spiritual Coach, ricercatore nel campo dell’evoluzione e della consapevolezza dell’essere umano. E’ impegnato da anni, nello studiare e mixare conoscenze di ogni epoca e provenienza e creare percorsi divulgativi e di liberazione interiore accessibili a chiunque. E' dotato di forte senso pratico e la sua missione è quella di fornire strumenti di applicazione quotidiana. Il suo è un linguaggio semplice, ricco di metafore ed accessibile a molti.
Potrebbero anche interessarti
Come trovare il proprio percorso unico, all’interno della Matrix
Massa critica: cosa è e come raggiungerla

Lascia un tuo commento

Il tuo Commento

Your Name*
Your Webpage

SCARICA GRATIS L'EBOOK
7 PASSI VERSO UN NUOVO MONDO

L' ebook che ti rivela gli unici segreti che devi conoscere per iniziare a costruire il tuo nuovo mondo sin da subito!

Digita la tua email
Digita il tuo nome
x